RISCALDAMENTO INDUSTRIALE

MODULI A TUBI RADIANTI A GAS

  • Ambienti di grandi e medie dimensioni
  • Ambienti di medie e piccole dimensioni

MODULI A TUBI RADIANTI A GAS I tubi radianti EURAD sono dei riscaldatori autonomi per irraggiamento ad alto rendimento, progettati e realizzati con le più moderne tecnologie, in grado di soddisfare i regolamenti più restrittivi in termini di sicurezza, risparmio energetico e protezione dell'ambiente.

Ogni componente è stato studiato per ottenere la massima resa con il minimo consumo. L'uso del tubo radiante EURAD è consigliato nel riscaldamento di ambienti di piccola, media o grande dimensione. Inoltre, con un'accurata progettazione è possibile riscaldare aree parziali del fabbricato.

  • DIREZIONALITÀ:
    Consente l'orientamento del fascio radiante verso aeree specifiche.
  • AFFIDABILITÀ:
    Grazie all'impiego di materiali di prima qualità la manutenzione si limita ai soli controlli previsti dalle normative di legge.
  • SILENZIOSITÀ:
    Garanzia di assenza di rumore in ambiente.
  • IMMEDIATEZZA:
    Accensione e messa a regime in tempi brevi.
  • VERSATILITÀ:
    Adattabilità ad ogni tipo di ambiente.
  • SALUBRITÀ:
    Nessuna movimentazione d'aria. Ambienti puliti e salubri.
  • RISPARMIO:
    Risparmi di combustibile nella gestione dell'impianto.
  • COMFORT:
    Temperatura di comfort senza gradiente termico. Assenza di corpi riscaldanti al suolo e sulle pareti.
   

Lo sviluppo continuo per il miglioramento del prodotto può comportare, senza preavviso, cambiamenti o modifiche a quanto descritto.

EURAD MSU 3 M
EURAD MSU 6 L
EURAD MSU 6 H
EURAD MSU 9 L
EURAD MSU 9 H
EURAD MSM 12 L
EURAD MSM 12 H
EURAD MSM 18 L
EURAD MSM 18 H
EURAD MSC 6 L
EURAD MSC 6 H
EURAD MSC 9 L
EURAD MSC 9 H
EURAD MSC 12 M
EURAD SPACE 5.0
FORM PER RICHIESTA OFFERTA

Registrati o accedi all'Area Riservata per consultare i Certificati

Norme di prodotto
Prevenzione incendi - D.M. 12 Aprile 1996
Prevenzione incendi - D.M. 23 Luglio 2001
Prevenzione incendi - D.M. 28 Aprile 2005
Prevenzione incendi - Lettera Circolare 10 aprile 2009